La malattia non aspetta

Home / News / La malattia non aspetta

Mamod Ryan vive in Madagascar. È nato 4 anni fa con una grave malformazione al cuore e ha urgente bisogno di un intervento. Impossibile nel suo Paese. Finalmente, dopo lunga attesa, tutto era stato organizzato. I medici dell’ospedale Bambino Gesù erano disponibili ad operarlo e noi pronti ad accoglierlo nella Casa di KIM insieme alla sua mamma. Mancava solo la data del ricovero per poter richiedere il visto.

Il Coronavirus ha bloccato tutto: partenza rimandata a data da definirsi. Anche in Madagasacar il Governo ha chiuso gli aeroporti e le persone sono confinate in casa. Le condizioni sono sempre più dure. Non c’è assistenza sanitaria per gli abitanti: ogni cosa è a pagamento. La famiglia di Mamod – madre, padre e tre bambini – è in una situazione economica drammatica. Hanno dovuto lasciare la capitale Antananarivo, dove il padre lavorava, perché il costo della vita in città è insostenibile. Ora sono in campagna e riescono a sopravvivere solo grazie al sostegno della comunità locale. Chissà per quanto.

Tramite il nostro contatto con la famiglia del bambino, ci arrivano queste parole: “Nessuno sa quando i confini saranno aperti, quando la diffusione del virus si fermerà e i malati saranno finalmente presi in carico. Preghiamo che Mamod possa essere protetto dal virus e che la sua malattia non peggiori mentre aspetta di poter essere curato e di avere la possibilità, un giorno, di vivere come tutti i bambini sani. Di andare a scuola, giocare e crescere normalmente. Proviamo, nello stesso tempo, una tristezza assoluta per tutti i Paesi colpiti dall’epidemia. Che Dio ci benedica e ci protegga”.