Papa Francesco sostiene la Casa di KIM

Home / News / Papa Francesco sostiene la Casa di KIM

PAPA FRANCESCO SOSTIENE LA CASA DI KIM CON UNA DONAZIONE

Il contributo, di 15.000 euro, alimenterà il fondo per aiutare i bambini in emergenza sanitaria, rimasti senza cura a causa del lockdown.

Il Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, a nome di Papa Francesco, ha donato all’Associazione KIM 15 mila euro, in sostegno delle attività di accoglienza e di cura dei bambini malati assistiti e “nella speranza che l’Associazione possa continuare ad assistere con amore i piccoli della terra”.

Il dono sarà consegnato attraverso S.E. Mons. Emil Paul TSCHERRIG, Nunzio Apostolico in Italia, e servirà a sostenere le spese straordinarie che la Casa di KIM deve oggi affrontare per accogliere in completa sicurezza quei bambini gravemente malati che durante il lockdown hanno lanciato appelli d’aiuto all’Associazione, ma non sono potuti arrivare a Roma a causa dei blocchi e che ora sono in condizioni d’assoluta emergenza.

“Nel corso dell’ultimo anno – si legge nella lettera inviata all’Associazione e firmata da Sua Em. Card. Peter K.A. Turkson, Prefetto del Dicastero – questo Dicastero per il Servizio dello Sviluppo ha avuto modo di collaborare con l’Associazione KIM Onlus. Dato il lavoro encomiabile svolto con grande ed amorevole dedizione da parte dei volontari, è parso opportuno inviare all’Associazione un piccolo segno di gratitudine da parte del Santo Padre, per sostenere le numerose attività e servizi da essi offerti”.

La notizia è stata accolta con grande gioia e commozione dall’Associazione “Rivolgiamo il nostro più sentito ringraziamento – commenta il Presidente Paolo Cespa – a Sua Santità Papa Francesco, a cui ci sentiamo fortemente uniti nell’aiuto verso gli ultimi. Questo dono arriva in un momento di particolare bisogno a causa del Coronavirus, proprio mentre lanciamo la campagna PROTEGGIAMOLI: il tuo aiuto per i bambini della Casa di KIM”.

Nell’immagine: il saluto del Santo Padre a una bambina della Casa di KIM, durante un’udienza dello scorso gennaio (Ph. Antoine Mekary | ALETEIA)